Voci di donne per una Italia Unita: «La donna Italiana: giornale politico-letterario»

  • Chiara Licameli
Parole chiave: donne, Risorgimento, patria, Roma, giornale, biografie.

Abstract

Il presente contributo propone un’analisi de «La donna italiana: giornale politico-letterario», periodico pubblicato a Roma nel 1848 ad opera di Cesare Bordiga. Il giornale – edito per soli 24 numeri, dal 22 aprile all’11 novembre dello stesso anno – nasce con lo scopo di sottolineare l’importanza delle donne nei moti risorgimentali in atto e si muove su una doppia linea, quella politica e quella letteraria: accanto alla cronaca dei rivolgimenti sono presenti poesie, racconti, biografie e aneddoti volti a sollecitare le cittadine e i cittadini a contribuire alla lotta per l’Unità. Tra le pagine del periodico si ritrovano le voci delle poetesse e patriote più famose del primo Ottocento italiano affiancate a quelle di personalità di rilievo come Filippo Meucci e Mazzini. I pensieri e le vite delle donne che collaborano al giornale formano così un catalogo parlante delle donne illustri viventi in un’epoca in cui i cataloghi biografici hanno una specifica funzione civile e formativa. La rivista mette in evidenza, dunque, come l’esaltazione della donna in questa fase della storia unitaria sia un modo per contribuire a costruire l’Italia e contiene diversi elementi di indagine sul contesto culturale della Roma risorgimentale, nonché sul ruolo dello Stato Pontificio nel processo unitario. I compilatori, infatti, sottolineano più volte la parte attiva che Roma ha nei moti e il fatto che la città debba essere considerata la guida simbolica della nazione in quanto rappresentante della gloria passata della Roma Imperiale. 

Biografia autore

Chiara Licameli

Chiara Licameli si è laureata con lode in Letteratura e Lingua. Studi Italiani ed Europei presso Sapienza Università di Roma con una tesi dal titolo Poetesse a Roma nel Risorgimento (a. a. 2012/2013) sotto la supervisione di Silvia Tatti e Novella Bellucci. Nel 2018 presso il medesimo Ateneo e con l’ausilio delle medesime docenti ha conseguito il Dottorato in Italianistica con una tesi dal titolo L’Archivio Gnoli: uno sguardo inedito sulla cultura letteraria della Roma Risorgimentale (1815-1870). I suoi interessi di studio riguardano il primo Ottocento – in particolare l’area romana in età preunitaria – e la scrittura al femminile. Ha tenuto diversi seminari nell’abito del corso annuale Le parole delle scrittrici a cura di Novella Bellucci e Laura Bocci e ha partecipato al XX Congresso Adi su La letteratura italiana e le arti con un intervento dal titolo Il Teatro di Teresa Gnoli: forme, contenuti, prospettive di indagine.

Pubblicato
2018-03-16
Come citare
Licameli, C. «Voci Di Donne Per Una Italia Unita: “La Donna Italiana: Giornale Politico-Letterario”». Altrelettere, marzo 2018, doi:10.5903/al_uzh-37.
Fascicolo
Sezione
articoli