Wellington 2013 – «There’s no place like home»: The Anxiety of Mobility in the Works of Louise DeSalvo

  • Bernadette Luciano
parole chiave: casa, mobilità, Louise DeSalvo, soggetto nomade, Rosi Braidotti

abstract

Le emozioni conflittuali associate all’idea di casa e la tensione tra mobilità e fissità costituiscono il cuore delle opere autobiografiche che tracciano la trasformazione della scrittrice italoamericana Louise DeSalvo, da ragazza proletaria a privilegiata «nomade intellettuale» (Bruno 2002, 404). Il saggio si fonda sulla teorizzazione della casa come spazio e idea geografici e sulla sua relazione con diverse forme di mobilità. L’immigrazione, l’esilio, il transnazionalismo, il turismo e lo spostamento creano per la casa uno spazio mobile, non solo come sito delle origini, ma anche come destinazione e zona di transito. Le molteplici figurazioni della mobilità, fisiche e metaforiche, considerate da Braidotti sono particolarmente utili in un’analisi dei testi autobiografici della DeSalvo. 
Questo saggio si focalizza su due testi: "Crazy in the Kitchen" (2004) e "On Moving" (2009). In queste opere, la DeSalvo interroga i diversi significati della nozione di casa e l’interazione tra casa e mobilità geografica e intellettuale. In "Crazy in the Kitchen", un’opera che sottolinea il rapporto tra ‘scrittura di cibo’ e ‘scrittura di vita’ nella cultura italoamericana, la ricerca di sé della narratrice dipende dalla reinvenzione di spazio geografico, domestico e testuale. "On Moving" interroga l’atto di traslocare. Partendo dalla propria ansia suscitata dall’idea di cambiare casa, DeSalvo esamina il rapporto tra mobilità e casa ricorrendo all’esperienza di altri scrittori e pensatori.

Biografia autore

Bernadette Luciano
Associate Professor Bernadette Luciano, University of Auckland, specializes in Italian cinema and cultural studies. She has published articles and book chapters on Italian cinema, film adaptation, Italian women’s historical novels, women’s autobiographical writing, and literary translation and co-edited an interdisciplinary book on cross-cultural encounters between New Zealand and Europe. She is author of The Cinema of Silvio Soldini: Dream, Image, Voyage (2008) and of the co-authored book (with Susanna Scarparo), Reframing Italy: New Trends in Italian Women's Filmmaking (Purdue University Press, 2013).
pubblicato
2015-03-25
come citare
Luciano, B. «Wellington 2013 – “There’s No Place Like home”: The Anxiety of Mobility in the Works of Louise DeSalvo». Altrelettere, marzo 2015, doi:10.5903/al_uzh-31.
fascicolo
Sezione
articoli