Corpo femminile e prostituzione in tre pièce di Dacia Maraini: Dialogo di una prostituta con un suo cliente, Una casa di donne, Veronica, meretrice e scrittora

autori/autrici

  • Sara Gallegati

DOI:

https://doi.org/10.5903/al_uzh-64

parole chiave:

Dacia Maraini, prostituzione, femminismo, corpo femminile, sessualità

abstract

L'articolo si propone di analizzare i temi della corporeità e della prostituzione nell'opera di Dacia Maraini alla luce dell'impegno femminista dell'autrice. Nei suoi lavori Maraini sviluppa la tematica della prostituzione al fine di mettere in discussione la società patriarcale e maschilista e il ruolo femminile. Attraverso la figura della meretrice, infatti, l'autrice indaga la condizione della donna e la sua evoluzione in un contesto sociopolitico e culturale fondato sul patriarcato, del quale lo sfruttamento sessuale femminile è la rappresentazione più emblematica. Lo scopo del presente lavoro è quindi quello di evidenziare le funzioni che il corpo femminile come strumento di subordinazione e allo stesso tempo di emancipazione può assumere nella lotta per la liberazione dal predominio maschile. Saranno elaborate delle interpretazioni a partire dalle teorie di studiose femministe come Simone De Beauvoir, Luce Irigaray e Adriana Cavarero. Lo studio ribadisce come l'impegno civile dell'autrice sia connaturato alla sua scrittura e si concentra, dopo alcune suggestioni cinematografiche, su tre opere teatrali: Dialogo di una prostituta con un suo cliente (1973), Una casa di donne (1977), Veronica, meretrice e scrittora (1991), le cui protagoniste sono donne “rivoluzionarie” che si ribellano alla società maschilista cercando di affermare la propria soggettività.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------

This article analyzes the themes of corporality and prostitution in Dacia Maraini's work by considering the writer's feminist position. Maraini’s work develops the theme of prostitution by challenging the patriarchal and masculinist society and by criticizing woman's role inside. Through the figure of the prostitute the author investigates the condition of the woman and her evolution in social history, denouncing both the phenomenon of sexual exploitation and the condition of slavery in which women are forced in a socio-political and cultural context founded on male domination. This study traces, through some texts, the stages of Maraini's production; it also points out the innate civil commitment of her writings. The survey focuses, in particular, on three plays: Dialogo di una prostituta con un suo cliente (1973), Una casa di donne (1977), Veronica, meretrice e scrittora (1991): in these texts the main characters are "revolutionary" women who do not accept any subjection by the male-dominated society and whose objective is the search for a female subjectivity, not yet completely conquered and recognized.

##submission.downloads##

pubblicato

2022-05-23

come citare

Gallegati, Sara. «Corpo Femminile E Prostituzione in Tre pièce Di Dacia Maraini: Dialogo Di Una Prostituta Con Un Suo Cliente, Una Casa Di Donne, Veronica, Meretrice E Scrittora». Altrelettere, vol. 11, maggio 2022, doi:10.5903/al_uzh-64.

fascicolo

Sezione

articoli