Il mito in scena: Endimione e Diana ne Gli amori della luna di Margherita Costa

autori/autrici

  • Valeria Merola

DOI:

https://doi.org/10.5903/al_uzh-54

parole chiave:

Margherita Costa, teatro, mito, gioco, Chitarra, poesia femminile

abstract

Nell’ultima opera di Margherita Costa, Gli amori della luna, è possibile individuare un’eco significativa della sua scrittura poetica precedente. È soprattutto il personaggio di Diana a ereditare i tratti delle figure femminili che la poetessa studia nei suoi canzonieri amorosi. Come le donne rappresentate nella Chitarra, la dea è un’amante di sdegno che investe l’innamorato della sua rabbia e della sua delusione per essere stata abbandonata. La cornice mitologica racchiude però una rappresentazione della vita di corte che Costa conosce molto bene. L’inserimento di elementi comici e spettacolari contribuisce a definire la teatralità della scrittura di Margherita Costa e collocarla opportunamente nella cultura barocca a cui appartiene.

##submission.downloads##

pubblicato

2021-11-16

come citare

Merola, V. «Il Mito in Scena: Endimione E Diana Ne Gli Amori Della Luna Di Margherita Costa». Altrelettere, novembre 2021, doi:10.5903/al_uzh-54.